Preveli e la foresta di palme

mappa moni preveliA circa 90 km a sud-est di Villa Anastasia, nella prefettura di Rethimno, ci sono due monasteri ed una spiaggia che portano il nome di Préveli e che sono famosi e rispettati da tutti i cretesi. Ora vi spieghiamo perché…

Con i nostri super affezionati amici Carlo e Laura, siamo partiti al mattino e dopo circa un’ora e un quarto di macchina siamo approdati al primo monastero, Kato (basso) Monastiri di San Giovanni Battista, costruito durante il dominio Veneziano (alla fineDSCN4520 del 1500) e aperto al pubblico solo da due anni. Tra i due monasteri questo è il meno conosciuto, il più eroso dal tempo e l’unico disabitato. Noi ovviamente abbiamo scelto tra i due di visitare questo ;-). Assieme all’altro, chiamato Piso (dietro) Monastiri di San Giovanni Evangelista o Moni Preveli (che noi abbiamo visto solo da fuori), ha avuto un ruolo fondamentale durante la Seconda Guerra Mondiale.

Dopo la disfatta della Guerra di Creta, l’avanzata delle forze tedesche provocò in tutta l’isola l’evacuazione della maggior parte delle truppe alleate e la partenza di quello che era rimasto dell’esercito greco verso il Medio Oriente. Tuttavia un gran numero di soldati inglesi, neozelandesi ed australiani furono costretti a rimanere sull’isola perché non avevano alcuna possibilità di fuggire. Anche se le forze di occupazione tedesche DSCN4507ordinarono rappresaglie molto dure contro la popolazione locale che avesse fornito rifugio alle rimanenti truppe alleate, i Monasteri di Preveli e dei villaggi vicini diventarono per molti di loro un luogo di riparo sicuro e un punto da cui poter fuggire. I monaci e la gente del posto si organizzarono coraggiosamente in gruppi a guardia dell’area, al fine di proteggere e dare sostentamento ai soldati alleati, che sono stati suddivisi in nascondigli introvabili e conosciuti solo dai locali. Grazie al loro aiuto, molti riuscirono a salvarsi e a scappare dall’isola. Capite dunque perché in tutta Creta, e non solo, questi monasteri godono ancora di un forte rispetto e di una grande devozione.

La visita al monastero basso è stata davvero molto interessante! Anche questo, come laDSCN4518 maggior parte dei monasteri qui a Creta, si trova in un luogo ameno davvero meraviglioso. Tra le sue mura diroccate e le strette scalinate, abbiamo assaporato un’atmosfera di pace, disturbata solo dal rumore del vento. Al di fuori, solo ulivi e montagne, con il tutto poi reso ancora più bucolico dalla presenza esterna di alcuni adorabili cerbiatti, di capre kri-kri e di un gigantesco tacchino che gloglottava allegramente.

DSCN4525Fatto anche quel giorno, quindi, il pieno di misticismo, ci siamo avviati verso la famosa spiaggia di Preveli. Lasciata la macchina sul parcheggio dedicato, abbiamo imboccato una ripida scalinata di roccia, che scendeva verso il mare. La camminata di per sé non porterebbe via più di 15 minuti, ma è davvero impossibile evitare di fermarsi ogni 10 scalini ad ammirare lo spettacolo sottostante. All’inizio ci si perde nel blu intenso e ipnotizzante del mare, per poi iniziare a sbirciare nella spiaggia sottostante e nelle insenature cristalline incorniciate dagli scogli. A metà della discesa è obbligatoria una tappa su un ampio terrazzino, che offre una vista indimenticabile sulla meraviglia che è questo posto nella sua interezza… IDSCN4528fiume Megalopόtamos, orlato da una fitta foresta di palme, si tuffa nel Mar Libico creando un’oasi incantata attorno al suo peculiare delta. E’ davvero raro trovare una vegetazione così “tropicale” a Creta e sono pochissime le spiagge che offrono questi scenari. Anche per noi questa è stata una “prima volta” e, come tutte le prime volte naturalmente, difficile da dimenticare e particolarmente emozionante!

DSCN4549Sappiamo per certo che questa spiaggia d’estate è abbastanza affollata, ma noi siamo riusciti a godercela senza troppe persone essendoci andati a maggio. Distesi sul morbido litorale, sotto a degli enormi pini marittimi, ci siamo rilassati per qualche ora in questo luogo davvero impareggiabile. Ci siamo anche addentrati un po’ nel palmeto e la passeggiata dobbiamo dire che merita molto: è stranissimo sapere di essere a Creta, ma avere l’impressione di trovarsi in una foresta tropicale. Quello che ti fa tornare alla realtà è il tentativo di bagnarsi un piede nel fiume…l’acqua è davvero ghiacciata!! Anche il bagno in mare infatti è stato decisamente impegnativo, visto che il Megalopόtamos sfocia proprio lì… forse nel mezzo della calura estiva sarebbe stato più facile e soddisfacente immergersi!

Anche questa giornata è trascorsa in modo super piacevole e i nostri amici sono stati molto contenti di averci seguito fin qui… Certo, la ripida scalinata che all’andata era in discesa, al ritorno ci ha messi a dura prova, però Creta è anche questo!

DSCN4536

 

2 pensieri su “Preveli e la foresta di palme

  1. A Preveli ci sono stato tanto tempo fa, d’estate … ero con persone a me assai care, in una magnifica e folle ‘gita’ da Arvi … Che posto splendido! ancora ricordo l’emozione della discesa e della vista di quel paradiso intimo e soave … e la gente, poi, non era mica tanta … forse non era il fine settimana! … Ah! amici cari, portateci sempre nel cuore, lasciate sempre che un po’ di questa bellezza ci sfiori, anche noi di quaggiù, cittadini d’oltremare, immiseriti e idiotizzati da una civiltà incivile, che ha di fatto involuto troppi processi di effettiva civilizzazione, perdendosi in meandri inumani e lontani da ogni senso e scopo di vita … Siete tutti noi! e vi penso spessissimo!
    A presto, Paolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...